Tunno Vincenzo

Mi chiamo Vincenzo Tunno mi trovo meravigliosamente immerso nel mondo ornitologico, da quando ho avuto come regalo da mio padre all’età di 17 anni una coppia di canarini gialli con delle macchie melaniche (meticci), che accoppiai . Allora ricordo che la loro alimentazione era del pangrattato con uovo sodo e un misto per canarini che compravo nei negozi alimentari da 500gr. Negli anni sono riuscito a far riprodurre un gran numero di canarini, e a costruire un sufficiente numero di gabbie di legno con della rete metallica. Dopo tre anni un gatto me li distrusse tutti non ne lasciò neanche un paio per poter ricominciare. Da allora rimasi male, ma la convinzione che dovevo ricominciare era forte.

Nel 1980 ho sposato Maria Antonietta, che mi supporta tanto nel mio hobby che mi ruba tanto di quel tempo, anche se  qualche volta dopo qualche battibecco dice di non togliere mai i canarini. Nel frattempo conobbi Antonio Abate, Sergio Colle, Marcello Iacovizzi, Cosimo Devito.Da qui partì l’allevamento vero e proprio, e l’iscrizione a l’A. O. S. di Lecce RNA BH71, tramite Antonio Abate, che per motivi di salute ha smesso da parecchi anni, e Marcello Iacovizzi che sono stati gli amici che hanno inculcato sia a me che a Sergio e Cosimo la cultura dell’ornitologia, per me sono stati come si suol dire i nostri “maestri”, in special modo l’amico fraterno Marcello che ha sempre allevato i Nero Rosso Intensi e Brinati all’epoca Bronzo. Quando ci recavamo da Marcello per vedere il suo allevamento di 15 coppie rimanevamo esterrefatti.

Arrivai ad un compromesso con mia moglie, mi lasciò libero il garage dell’appartamento, che subito cominciai ad allestire con una batteria di 20 gabbie Borgovit, comprai i primi canarini Nero Rossi da Marcello poi inserì gli Agata Rosso Intensi e Brinati, gli Isabella Rosso Intensi e Brinati, dopo qualche anno i Pastello Agata Rosso Mosaico.

Avendo ottenuto dei buoni risultati espositivi nelle mostre della nostra regione, la Puglia, negli anni 90’ decisi di andare a visitare per la prima volta l’Internazionale di Reggio Emilia, e così cominciai a capire che cosa erano veramente i canarini, mi resi conto degli errori e, avendo a disposizione un maggior numero di soggetti da visionare mi resi conto dei difetti e nello stesso tempo dei pregi dei vari canarini, occasione di miglioramento e crescita.

Nacque il mio amore per gli Agata Rosso mosaico che allevo da più di 15 anni. Ho acquistato i primi canarini Agata dal Sig. Emissivi. Ho iniziato a selezionare le mie prime coppie e studiare un po’ di genetica e accoppiamenti. L’A. O. S. sempre negli anni 90’ istituì un corso per “Allievo Giudice” durato alcuni anni che io frequentai, ma per problemi di lavoro non ho potuto portare a termine. Ogni anno partecipo alle mostre in Puglia, compresa l’Internazionale di Bari, l’Internazionale di Reggio Emilia e i Campionati Italiani, in questo modo posso confrontarmi con allevatori famosi e bravi. Il confronto mi stimola sempre di più a migliorare e perfezionare i miei canarini avvicinandomi quanto è più possibile allo standard. Attualmente allevo circa 35 coppie di Agata Rosso Mosaico e qualche coppia di Agata Bianco inserita da  un paio d’anni.

Sono nato a Maglie il 2 settembre del 1954 dove vivo e svolgo il mio lavoro come tecnico nella ASL. Ho tre figlie, Daniela, la più grande, Raffaella e Luciana  gemelle, amano anche loro molto gli animali, hanno un gatto che chiamano Margottino, gli piacciono tanto anche i canarini, quando sono fuori, per le mostre o per altri motivi ci pensano loro ad accudirli. Amo molto il mare quando trovo ed è raro qualche ritaglio di tempo vado a pesca con la barca, purtroppo il mio lavoro molte volte me lo impedisce. Mi piace la musica e mi diverto di tanto in tanto a strimpellare con la chitarra.

Concludendo vorrei ringraziare tutti coloro che mi hanno aiutato a raggiungere questi risultati espositivi, in modo speciale mia moglie, le mie tre perle incastonate profondamente nel mio cuore per la pazienza e per il tempo che rubo loro. Ringrazio particolarmente gli amici Antonio Abate, Marcello Iacovizzi, Sergio Colle, Cosimo Devito e infine un saluto speciale al Sig. Luigi Gatto sempre pronto a darmi una mano per i vari trattamenti per i  vaccini e per la preparazione dei canarini alle mostre.

Sono a disposizione di quanti volessero scambiare metodiche di allevamento e tutto ciò che riguarda alimentazione e accoppiamenti.

Consigliamo